Addio Piccolina

Addio fedele destriera, compagna di mille avventure.
E’ dura lasciarti dopo più di 11 anni passati assieme. Ti ho visto nascere, ti ho visto invecchiare ed ora ti vedo morire!

Aaah quante ne abbiamo passate assieme, per me sei stata molto più di una semplice Auto, piccolina.
Assieme abbiamo percorso la strada pari a quasi 6 volte il giro del mondo.
Conosci le mie gioie, i miei dolori, conosci i miei segreti più intimi.
Mi hai accompagnato durante i miei viaggi, mi hai trasportato al lavoro, guidavi te e io dormivo, sapevi la strada a memoria.
Sei stata tante cose per me piccolina: sei stata un auto, sei stata un’amica, sei stata un letto, sei stata una sala pranzo, sei stata un salotto, sei stata testimone di risa, di pianti, di discussioni e di amori clandestini.
Chi meglio di te mi può capire?

Diverse volte mi hai salvato la vita, con la tua prontezza, la tua tenuta di strada e il tuo ABS.
Che ridere quella volta che non ti trovavo e da sola avevi parcheggiato pefettamente in mezzo ad altre due macchine senza neanche sfiorarle (il parcheggio era leggermente in pendenza e non avevo messo nè il freno a mano, nè la marcia).
E tutti quei Radar che abbiamo preso in Germania? Ricordi? Ahahah neanche uno ne abbiamo pagato!
Ssssssh, se ci beccavano in dogana quella volta!
E i 180km/h in autostrada per 2 ore in Germania, ti sei divertita eh?
Solo tu sai tutte queste cose piccolina!

Venivo da te quando avevo bisogno di sfogarmi, ti guidavo per km e km, parlavo e mi consolavi con canzoni dolci.
Ma abbiamo anche riso tanto assieme, non è vero piccolina? O quante volte nella notte tornando a casa preferivo stare con te un altro pò nel parcheggio, al buio ad ascoltare musica con gli occhi chiusi. A volte mi addormentavo. Cantavi bene piccolina.

Ultimamente ti ho lasciato sola spesso, mi aspettavi al freddo mentre io me ne andavo in posti caldi. Perdonami piccolina… ma tu mi sei sempre stata fedele. Ti ritrovavo svenuta, senza forze, triste ma non ti sei mai arrabbiata. Scusami, vorrei dirti che per me sei unica e non ti avrei cambiato per nessun’altra auto al mondo, neanche regalata.
Ogni volta che tornavo non vedevo l’ora di vederti, di guidarti e ringraziavo il cielo che esistevi. Davvero.

Ma ora non c’è più niente da fare… uno stupido incidente ti sta facendo soffrire troppo. I dottori dicono che non vale la pena ripararti, troppi acciacchi. Io ho insistito ma l’assicurazione non ha voluto pagare le operazioni nonostante avessi ragione tu! Sono delusa ed arrabbiata per questa ingiustizia. Per loro vali poco ma per me sei oro, piccolina. Non ha valore questo?
Ora dovrò sopprimerti, anzi avrei già dovuto farlo per non farti soffrire ma non ce la faccio, voglio tenerti con me qualche giorno in più. Sono egoista, scusa.

Come farò senza di te, piccolina?

Articoli che potrebbero interessarti:

5 pensieri su “Addio Piccolina

  1. si piccolina, nei ultimi anni, quando la tua padroncina andava al caldo sei rimasta con noi – triste ma fedele a lei. Eri sempre felice quando lei tornava da te.
    Anche per noi sei sempre stata più di una macchina.
    Cosi come é stato per noi la “Centolire”, tutte le altre dopo non sono state la stessa cosa.
    Adesso purtroppo, tu sei arrivata alla fine della tua corsa.
    Ne hai fatte e viste tante. Adesso goditi il tuo meritato riposo. Penso proprio, che non ti scorderemo mai.

Rispondi a Claudio Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.