Siamo in troppi!

Nel 1980 la terra aveva 4 Miliardi di abitanti, ora siamo circa a 7 Miliardi e per la fine del secolo supereremo i 9 Miliardi.

Questa una piccola visuale di quello che già ci aspetta:
le guerre saranno combattute per l’acqua e saranno catastrofiche, il rilascio di metano nell’ozono raggiungera quantità esagerate. Quando, tra 50 anni, il mondo si riscalderà di un altro paio di gradi, che succederà in Africa o semplicemente in sud Italia o Spagna, ecc?
Per circa 3 miliardi di persone il clima sarà troppo caldo per sopravvivere… sarà orribile!
Saranno i tempi peggiori che l’uomo abbia mai conosciuto.

Secondo James Lovelock siamo prossimi ad una nuova era glaciale, a sostegno della sua tesi, lo scienziato espone i dati relativi agli ultimi anni prima della scorsa era glaciale, quando la terra aveva una temperatura di 5 °C maggiore alla nostra. Ecco perché, secondo lui, a quell’epoca si glaciò. Per Lovelock però è troppo tardi per rimediare, la glaciazione è vicina. (cit. wikipedia)

Sarà necessario un cambiamento radicale per far sopravvivere un’altro paio di miliardi di persone sul pianeta.
Quando ci renderemo davvero conto del problema, si arriverà a prendere soluzioni radicali per cercare di controllare le nascite, come lo sta già facendola Cina . Togliendoci la libertà…
Il futuro è molto, molto difficile da immaginare … Naturalmente, c’è sempre la speranza di una sorta di rivoluzione tecnologica, ecc, ma questa è la speranza solo casuale.
Oppure, sempre secondo Lovelock saranno proprio i nostri sbagli a salvarci: lo scienziato spera infatti che anche se la Terra andasse incontro ad una nuova glaciazione, l’effetto serra riscalderà la terra, limitando il freddo.

Comunque senza dubbio ci sono troppe persone nel mondo! La durata della vita è stata determinata da miglioramenti nel settore sanitario, la nostra naturale voglia di una vita migliore è ironicamente l’uccisione di tutti noi.

Cosa si può fare quindi per evitare di arrivare ad una situazione simile?

– Condivisione più omogenea delle risorse?
Purtroppo, la condivisione delle risorse non aiuterà, sarebbe in realtà la causa che velocizzerà il processo di crescimento demografico.

Sicuramente quello che sta facendo ad esempio il McDonalds è una buona soluzione per risolvere il problema: effettivamente il MAC aiuta la fame del mondo con la produzione di cibo a buon mercato ma se ci pensiamo bene in realtà è un pensiero folle. Se tutti mangiassimo grandi quantità di carni rosse e soprattutto carni processate (insaccati, prosciutti, hamburger pronti, carne in scatola, ecc.) il mondo sarà spazzato via molto prima.
Per fortuna nella maggior parte degli alimenti procesati c’è vera carne solo per circa il 50%, di cui gran parte “culi di cavalli” . 😉

Invece di spendere miliardi per la difesa militare, dovremmo spendere miliardi per esportare la pillola e preservativi nelle parti più povere del mondo… per far sopravvivere e vivere decentemente chi a questo mondo c’è già.

Qui la teoria di Robert Malthus

Vi lascio con questa frase di Aldous Huxley
Love that is killing us. Love without education is completely pointless and very dangerous” –

Va bhe, sono semplicemente pensieri di fronte a una dura imminente realtà nessuno vuole affrontare. Io sto benissimo, adesso me ne vado in spiaggia (sperando che non sia troppo affolata) e a bermi una bibita fresca al bar… e tra 50 anni me ne preoccuperò ancora. 😉

Articoli che potrebbero interessarti:

6 pensieri su “Siamo in troppi!

  1. sì l’ho letto…è molto fotocopiato rispetto agli altri e un po’ banale, ma come lettura estiva è ok. Se ti interessa l’argomento sovrappopolazione, troverai una soluzione. Un po’ fantascientifica, ma interessante… 🙂

  2. il McDonald sta salvando il mondo! Siamo in troppi giusto?
    Ci pensa il McDonald a far morire d’infarto qualche milionata di persone! 😡

  3. Infatti scrivo:
    “Sicuramente quello che sta facendo ad esempio il McDonalds è una buona soluzione per risolvere il problema”
    Cioè diminuire la popolazione mondiale 😉

Rispondi a Lucia Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.