Vacanze Trekking Tenerife

Ciao a tutti il mio nome è Enea, vivo e lavoro a Tenerife dal 2005, sono una Guida Trekking riconosciuta dal Governo Canario e la mia passione è camminare e scoprire luoghi unici.

Le Isole Canarie ti offrono un clima mite e una natura emozionante.  
La varietà paesaggistica di Tenerife è molto varia : attraversiamo territori vulcanici  protetti dall’Unesco e Foreste di Laurisilva, Parchi Nazionali e spazi tutelati dal Governo. 
L’oceano ospita numerosi delfini, cetacei, tartarughe e pesci volanti…

enea-trekking

Organizzo Vacanze Trekking nelle Isole Canarie occupandomi dei Transfert aereoportuali e di tutte le escursioni organizzate, appartamento con cucina in un villaggio a due passi dal mare e lontani dal turismo di massa; pensione completa per tutto il soggiorno, cene a base di pesce e tipicità Canarie…

Venite a passare una settimana alla scoperta delle Isole Fortunate ! ! !  

Per piu’ informazione visitate il mio sito:
http://www.eneatrekking.com/

New Zealand loves Reggae

In English at the end of this post!

Come più volte ribadito, per me, la Nuova Zelanda è il paese che più si avvicina all’idea del paradiso terrestre… il paese degli hobbit, della serenità e della pace, delle schiumose e basse nuvole bianche, delle pecorelle che pascolano indisturbate nei grandi prati verdi… dove potrei stare ore ad osservare l’immensità del mare con la brezza che mi accarezza il viso… in questo paese non esistono animali feroci o velenosi, serpenti o coccodrilli!

I telegiornali, per riempire la trasmissione, sono costretti a parlare del terremoto in Italia, delle rivolte a Bangkok o del governo alle Isole Fijis!
Il paese dove atti di violenza sono ridotti al minimo e la droga si fa fatica a trovare, dove l’unica preoccupazione della polizia è mantenere l’ordine pubblico a base di alcoltest e radar per la velocità.
La gente è felice, tranquilla… suona musica reggae e fuma Marijuana!

Oggi mi redo conto che la Nuova Zelanda è un mondo a parte, circondata dal mare isolata dal mondo reale …
…è come un piccolo bambino innocente ed ingenuo, protetto in un palla di cristallo.

Quasi ogni giorno mi sorprendo di alcuni comportamenti che dovrebbero essere normali in un paese civile… e sì, lo ammetto, mi vergogno di ciò, ma d’altra parte anche io sono inquinata dal nostro modo di vivere, per noi l’anormale è diventato la norma e quindi mi sorprendo e continuerò a farlo…!
Mi riempe il cuore sapere che nel mondo ancora esiste un paese dove la gente è onesta e rispettosa del prossimo!

Mi sento felice, spensierata… qua la mia mente è libera… il mio cuore è libero… lontano da brutti pensieri che mi invadono quando sono a casa… vittima della società.
Se un giorno deciderò di avere un figlio, credo che la Nuova Zelanda sia l’unico paese dove possa immaginare di crescerlo!

Sì, probabilmente sono pensieri egoistici… non lo sono per voi? 🙄

Di seguito il video della banda The Black Seeds, musica Reggae e immagini della Nuova Zelanda!

As other times I told you, for me, New Zealand is the country that more is near to the idea of the paradise… the hobbiton, the country of the peace;
where almost violence and drug doesn’t exist. People are happy, calm, they are playing reggae music and smoking Marijuana!

Almost every day I wonder how they behave … thinking how good would be the same in my country… a utopia… a dream!
Nz is a new country… is like a small innocent child, isolated from the real world, protect by the see like as in a crystal ball !

NZ is the only country where I can imagine to grow my son up.
My heart is free, my mind is free of all the thoughts… I’m happy here … far away of all bad thoughts that I’ve when I’m home… victim of life!
I know, I’m very selfish, am I not? 🙄

The video is of the kiwiband The Black Seeds, Reggae music and images of New Zealand!

Articolo su Glamour

Ciao, vi comunico che nel numero di febbraio del mensile Glamour, uscirà un articolo su di me e sulla mia esperienza in Irlanda. ➡
Teoricamente la rivista dovrebbe uscire in edicola nei prossimi giorni!
Se lo leggete fatemi sapere com’è… io dovrò aspettare il mio ritorno in Italia! 🙄

Thank’s

————————————–

Hello, in february on the italian version of the magazine Glamour will be released an article about me and my experience in Ireland! ➡


Let me know if you read it! I have to wait when I will be back to Italy!
Thank’s

¿Hablas español?

Per chiunque desideri trasferirsi alle Isole Canarie è naturalmente importante saper parlare spagnolo!

Se durante le vostre vacanze a Tenerife avete sentito sempre e solo parlare inglese… beh, probabilmente siete stati nella zona sud dell’isola, a Playas las Americas o Los Cristianos, dove i bar, Hotel e ristoranti sono oramai monopolio Inglese ( e italiano)

Nel resto dell’isola, invece, è importante parlare Español! (E non Espagnolos come tanti intuitivamente direbbero! 😉 )
Noi italiani infatti, quando pensiamo allo spagnolo, spesso facciamo l’errore di pensare che sia solo una storpiatura della nostra lingua: “Una E all’inizio, una S alla fine della parola ed il gioco è fatto!”
Eeee NO!!! Vi posso assicurare che in realtà questa lingua presenta più difficoltà di quanto si possa pensare!
Anzi, secondo me la difficoltà dello spagnolo sta, per paradosso, nella sua semplicità: tante parole sono simili all’italiano, certo… ma attenti ai “falsi amici”, parole che sembrano comprensibili ma in realtà sono delle trappole!!!
Solo per farvi un qualche esempio:

Salida- UscitaSalida= Uscita
Guardar = Salvare
Mirar = Guardare
Subir= Salire
Escarpa= Scarpata
Aceite= Olio
Largo= Lungo
Tocar= Suonare
Bravo= Bestia/ostile/poco amichevole
Vale= OK

Oltre a questi “falsi amici”, esistono inoltre parole che sono completamente differenti dall’ Italiano, quindi spagnolizzare una parola italiana non sempre é la soluzione. Resta sempre il dubbio se la parola che si sta usando sia effettivamente in spagnolo.
Il vantaggio apparente (e iniziale), consiste nel fatto che, pur parlando “Itagnolo” la gente del posto ci capisce, come del resto, noi capiamo loro. Quindi non veniamo mai corretti! Anzi, alle nostre frasi “obrobriose”, la gente simpaticamente annuisce e sorride, e noi continuiamo ignari e soddisfatti nei nostri discorsi… con l’aria di chi lo spagnolo lo mastica. 😎 Facendo in realtà la figura del pistola.
Dopo alcuni mesi, pur non studiandolo ci si riesce a giostrare ma il problema resta sempre riuscire ad imparare a parlarlo bene!
Conosco italiani che vivono da diversi anni a Tenerife e ancora parlano “Itagnolo”!
NON usano i verbi con le giuste desinenze e parlano ancora con il trucco della S alla fine della parola stessa!

Un errore tipico :
“Hola Lucia, sali esta noche?” (Ciao Lucia, esci stasera?)
Il verbo alla seconda persona viene cognugato con la S finale.
Quindi la frase corretta sarà :
¿Hola Lucia, sales esta noche?

Anche per la pronuncia serve un po’ di esercitazione, nel dire per esempio le 2 L “ll” llorar (piangere), lluvia (pioggia) oppure le parole con la J, naranja (arancia) o jueve (giovedì), bisogna pronunciarle come se si stesse scatarrando (scusate la finezza ma era indispensabile per l’esempio 😉 )!

In ogni caso, con un po’ di buona volontà, si puo’ imparare in fretta e vi assicuro che è divertentissimo!
A mio parere lo spagnolo è una lingua davvero affascinate!

E’ importante inoltre sapere che alle canarie si usa un castigliano diverso che in Spagna… ma per questo argomento vi rimando al mio articolo Espressioni Canarie

¡Hasta luego muchachos! 😉

Tenerife Addio!

Tenerife ha il suo fascino! La sua potente “forza gravitazionale” fa sì che sia difficile distaccarsene.
Su Tenerife si vive una vita… come dire… “rallentata“!
Mañana è la parola sulla bocca di tutti quando si vuole rimandare qualcosa…! Mañana in spagnolo significa domani ma in realtá …. non si sà!
Qualsiasi cosa la si fà senza fretta: il lavoro, gli appuntamenti, …la vita!
Le stagioni quasi non esistono, il sole splende in tutti i mesi dell’anno.
Questo fa si che il tempo passi inesorabilmente, quasi senza rendersene conto. Se non fosse per il turismo diversificato a seconda del periodo dell’anno, il mare un po’ piú mosso e per i canari che in inverno escono con la cuffietta di lana (anche se ci sono 20 gradi), potrebbero non esistere le stagioni.

Per alcuni di voi, che vivono in Italia, in Svizzera o Germania, questa situazione potrebbe sembrare un paradiso.
A me, dopo 2 anni e mezzo, ha stancato:
ho bisogno delle stagioni, di un bel temporale estivo, dei colori autunnali, dei profumi primaverili, del freddo e soprattutto della neve!
Ho bisogno di una vita attiva e di rallegrarmi un giorno stando in casa sul divano, mentre fuori imperva una bufera con fulmini e saette. 🙂

Ho lasciato Tenerife con il rammarico di aver abbandonato i miei amici e con davanti un futuro incerto tutto da scrivere…
Visto dall’ esterno, credo che la gente pensi che sono pazza. Andarmene da Tenerife, la stupenda isola delle Canarie, lasciare un lavoro sicuro, una vita tranquilla e amici stupendi…
Giá, ma tante volte anche il paradiso puó annoiare ed io sono una persona che ha bisogno di stimoli per continuare a vivere. Sono una persona attiva che a Tenerife era rallentata internamente … e questo rallentamento interno fa si che i giorni, i mesi, semplicemente passino ….
Poi un bel giorno ci si ferma a pensare:
ma in che mese siamo? ops, ottobre…. in Italia inizia quasi l’inverno… la gente accende i riscaldamenti… che strano!
A me sembrava di essere ancora in Luglio, nel bel mezzo di una giornata di sole e 27 gradi… 😎
2 anni trascorsi attraverso feste, vita notturna, divertimento… Anche se sempre con la testa sulle spalle, la cosa ha iniziato a non soddisfarmi e a sfuggirmi di mano!

Così ho deciso di prendere un break da Tenerife: ad ottobre 2007 sono partita per l’ Irlanda, dove ho trascorso 8 mesi fantastici. Tornata a Tenerife, mi sono resa conto che la mia vita sull’ isola era giunta alla conclusione.
Non só perché, semplicemente a volte ce lo si sente dentro, ed io sono una persona spontanea, che spesso agisce di impulso, a senconda della direzione del vento.

Ed eccomi qua, in Italia al Lago Maggiore, nel bel mezzo di un fantastico temporale…
…e chissá nei prossimi mesi in che direzione spirerá il vento … 😉